Configurations Error(!)
BAZ (Marco Bazzoni)

BAZ (Marco Bazzoni)

Il lettore multimediale di Colorado Cafè

Renato Pozzetto

Renato Pozzetto

Un pilastro della storia artistica italiana, torna One Man Show per stupirci ancora

Ale e Franz

Ale e Franz

Il duo comico italiano per antonomasia!

Marco Della Noce

Marco Della Noce

W LA FERRARI!

Attenti a quei 2 perchè si fanno in 4!

Attenti a quei 2 perchè si fanno in 4!

Il nuovo imperdibile show di ROCCO ed Andrea Di Marco!

Leonardo Manera

Leonardo Manera

La sua mimica ed i suoi tormentoni ADRIANA ADRIANA, FLUORO fanno parte del linguaggio comune!

Anna Maria Barbera

Anna Maria Barbera

La regina del cabaret italiano, SCONSOLATA!

Enrico Bertolino

Enrico Bertolino

Per spettacoli comici ed eventi aziendali di formazione motivazionale

Pino e gli Anticorpi

Pino e gli Anticorpi

Il duo sardo più amato! BIG di COLORADO

Giuseppe Giacobazzi

Giuseppe Giacobazzi

Il 'poveta romagnolo' divenuto la colonna di ZELIG!

Gabriele Cirilli

Gabriele Cirilli

Da “Chi è Tatiana?!” ai successi di oggi a Tale e Quale Show con Carlo Conti!

ORGANIZZATI CON SAMIGO

ORGANIZZATI CON SAMIGO

Creazione di EVENTI per convention, teatri, rassegne, feste...

Enrico Brignano

Enrico Brignano

Per spettacoli e convention aziendali

  • BAZ (Marco Bazzoni)

    BAZ (Marco Bazzoni)

  • Renato Pozzetto

    Renato Pozzetto

  • Ale e Franz

    Ale e Franz

  • Marco Della Noce

    Marco Della Noce

  • Attenti a quei 2 perchè si fanno in 4!

    Attenti a quei 2 perchè si fanno in 4!

  • Leonardo Manera

    Leonardo Manera

  • Anna Maria Barbera

    Anna Maria Barbera

  • Enrico Bertolino

    Enrico Bertolino

  • Pino e gli Anticorpi

    Pino e gli Anticorpi

  • Giuseppe Giacobazzi

    Giuseppe Giacobazzi

  • Gabriele Cirilli

    Gabriele Cirilli

  • ORGANIZZATI CON SAMIGO

    ORGANIZZATI CON SAMIGO

  • Enrico Brignano

    Enrico Brignano

MUSIC RAISER, ROCKGARAGE e REKKIABILLY insieme per dare alle stampe un 45 GIRI con un inedito firmato da una delle più importanti realtà rock'n'roll e rockabilly italiane. Disponibile solo su http://www.musicraiser.com

“TIPI DA SPIAGGIA”
Video Teaser on YouTube: http://www.youtube.com/watch?v=1mdWow4xPuI

Anche i REKKIABILLY approdano su MUSICRAISER. Una campagna promozionale che parte da oggi e che permetterà a tutti coloro che vogliono di prenotare una copia del nuovo inedito firmato da una della più importanti realtà della scena rock'n'roll e rockabilly italiane. Non solo un 45 GIRI ma anche gadget, copie personalizzate, live e molto altro ancora.

Il tutto disponibile solo su prenotazione al sito http://www.musicraiser.com

Compagni di viaggio in quest'avventura, il noto e-magazine ROCKGARAGE su cui sarà possibile seguire in esclusiva tutte le novità e le notizie in merito a questa nuova produzione.

LATO A: “TIPI DA SPIAGGIA”
Un titolo che dice tutto e lo dice subito. Estate, caldo, mare...ma soprattutto sole, energia senza mai evitare quell'ironia pungente che vuole raccontare uno dei più classici spaccati di vita quotidiana in pieno stile italiano.

LATO B: “CALYPSICOSI”
Un restyling tra ritmi calyspo e sapori acre di rock'n'roll, nuovi arrangiamenti e nuova vita ad un brano che ha segnato passaggi importanti per quello che fu l'esordio dei Rekkiabilly.

Appuntamento dunque su MUSICRAISER.COM per prenotare la propria copia e contribuire così allo sviluppo di un nuovo progetto discografica firmato REKKIABILLY.

“TIPI DA SPIAGGIA”
Video Teaser on YouTube: http://www.youtube.com/watch?v=1mdWow4xPuI
PRENOTA LA TUA COPIA solo su MUSICRAISER: Home: http://www.musicraiser.com
Segui le news on ROCKGARAGE: http://www.rockgarage.it

Info e contatti:
PROTOSOUND POLYPROJECT
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
tel. 340.4913196


 

L’album “work in progress” è l’ultima tendenza, forse l’ultima sfida, della musica Italiana.



Lanciata da Carlo Mercadante nell’ottobre scorso con il suo “7 briciole lungo la strada”, è stata raccolta addirittura da Claudio Baglioni che ieri ha lanciato il suo “Con voi”. Uguale l’intento: “non impacchettare qualcosa e porgerla – come scriveva Carlo Mercadante nella presentazione del suo progetto - ma includere in questo lavoro anche le idee che lo stanno generando”( http://carlomercadante.com/il-prossimo-album-2/) ed ancora dare importanza ad ogni brano e coinvolgere gli ascoltatori, utilizzando i social network, in un vero e proprio viaggio di creazione e confronto, per poi approdare su I-Tunes e su tutte le altre piattaforme digitali.

Per Baglioni, dopo 45 anni di grande carriera musicale, l’esigenza – come lui stesso ha dichiarato ieri sera a “Che tempo che fa”, intervistato da Fabio Fazio – di sentirsi finalmente libero. Per Carlo “un modo diverso di presentare la mia musica”.  “Credo – scriveva nel suo blog, nel quale ha voluto documentare passo passo il suo viaggio - che un artista debba mettersi in discussione. Continuamente. Ogni canzone deve avere un suo valore, dei contenuti, degli argomenti e su ogni canzone deve essere chiaro il tentativo di ricerca che l’ha portata alla luce: dai suoni, alle persone, ai temi alle parole. Ecco perché ogni canzone di quest’album avrà uno spazio temporale lungo per essere ascoltata, discussa, valutata e argomentata” (http://carlomercadante.com/2012/10/18/7-briciole-lungo-la-strada/).

Oggi, dopo sette mesi di cammino e cinque brani “work in progress” affidati alle distribuzione digitale, Mercadante è soddisfatto e non solo per il lavoro svolto: “Mi sento quasi lusingato – dice - nel vedere che anche Baglioni abbia scelto questo nuovo modo di procedere.  Ho osservato a lungo la situazione musicale italiana e avevo un fortissimo desiderio di trovare una strada alternativa a una situazione discografica francamente non facile per chi si propone da indipendente. Oggi, vedere che anche un artista con un lunga e gloriosa carriera alle spalle abbia sentito la necessità di procedere allo stesso modo, mi incoraggia a pensare che le scelte da me fatte prima di questo nuovo percorso si stiano rivelando perlomeno sensate”.

Intanto, dal primo maggio, il brano di Carlo Mercadante “#Niente in tasca”, una piccola storia d’amore ai tempi del precariato, è in rotazione radiofonica.

Blog ufficiale: www.carlomercadante.com
Twitter: https://twitter.com/ci_mercadante
Facebook https://www.facebook.com/intrepidofobico

Ufficio stampa: SdC - Strategie di Comunicazione
Daniela Esposito  cell. 338 87 82 983 – Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
PromoRadio ||| PromoVideo L'AltopArlAnte  - Fabio Gallo Tel. 3483650978
Booking : Erica Molinari 346 6310256



Di Iacopo Bernardini su RECENSIONI LIBRI

- Nella sua opera s’intrecciano descrizioni vicine al gusto evenemenziale della cronaca a passaggi surreali, coordinati in una sequenza d’azione che prescinde dalla necessità cronologica. Saprebbe indicarci quanto di autobiografico è effettivamente presente in Volevo uccidere Gianni Morandi?
Tutto quello che scrivo è assolutamente veritiero ed autobiografico. Credo di non poter prescindere da ciò, perché il mio “patto con il Lettore” è quello di essere autentico, di raccontare spaccati di quotidianità in cui tutti, in un modo o nell’altro, si possano riconoscere, per trarne spunti di riflessione o per cogliere un’ironia sdrammatizzante rispetto agli ostacoli del cammino esistenziale, che permetta di affrontare con maggior spirito (pro)positivo le difficoltà. Certamente utilizzo delle formule non canoniche, sconfinando anche nel surreale, ma sempre partendo da una base di fatti avvenuti e vissuti sulla mia pelle. L’incedere non strettamente cronologico del romanzo è figlio dello stesso principio: proprio come avviene nella nostra testa o nella nostra pancia, in cui si susseguono pensieri e/o ragionamenti non sempre consequenziali, ma dettati spesso dall’umore o da “come ci sentiamo” in quel dato momento, così il mio modus di scrivere è spontaneo, istintivo ed istintuale, più attento a fornire un quadro emozionale che non una connessione temporale razionale. Mi piace che mi abbiano definito “Un Aratore di emozioni”.


- Saprebbe indicare alcuni testi che l’hanno maggiormente influenzata nella creazione dell’opera?
Sono un fagocitatore di libri e penso che il proprio ventaglio espressivo si possa ampliare a dismisura leggendo generi diversi, andando alla ricerca di autori proveniente dalle più disparate culture: in questo modo il processo creativo ha tanto materiale da metabolizzare, per poi rigettarlo nella propria creazione attraverso il filtro della propria sensibilità. Andando nello specifico, come dichiaro nel mio libro, Anhtony De Mello, con “Messaggio per un’aquila che si crede un pollo”, mi ha sicuramente fornito input fondamentali, per lavorare su me stesso e sulla mia interiorità emotiva. Poi mi piace ricordare Ouspensky con “Frammenti di un insegnamento sconosciuto”, Zygmunt Bauman con “Vita liquida”,  Paulo Coelho con “L’Alchimista” e Manlio Sgalambro con “Del pensare breve”.

- Qual è il suo rapporto tra passione per la musica e per la scrittura? Che cosa hanno in comune queste due forme artistiche?
Sono un creativo: questa è la mia urgenza: CREARE e COMUNICARE! Amo farlo in varie forme e sicuramente, quella della scrittura, è, ad oggi, la modalità che mi gratifica maggiormente, dandomi la possibilità di esprimermi in maniera più completa. Le canzoni hanno un modulo espressivo limitato: occorre seguire cliché consolidati, ti “giochi” tutto in 3 minuti e mezzo. Il “vantaggio” è che la Musica può fornire un apporto emozionale attraverso un tessuto connettivo sonoro che può sopperire ad un testo non egregio. La Scrittura è “monodimensionale” e “monosensoriale” da questo punto di vista. E’ più difficile entrare in contatto con le corde emotive di chi ti legge, rispetto a chi ti ascolta. Ma sicuramente, c’è più spazio per poterci riuscire. Ad un certo punto, i miei polpastrelli sono stati calamitati dalla tastiera: ho iniziato e scrivere e non mi sono più fermato… per ben 3 anni! Non saprei dire perché. Era arrivato il momento di farlo. Tutto qui. Da un punto di vista realizzativo, scrivere un libro è decisamente più semplice ed economico rispetto all’incidere un album: non dipendi dagli altri, ma solo da te stesso, non necessiti di studi di registrazione, musicisti… di realizzare mixaggio, master… di girare videoclip… insomma, in tempo di crisi, se una persona è indecisa sul da farsi, consiglio vivamente l’arte della scrittura.

- Diario, racconto, manuale, autobiografia, saprebbe definire il portato più profondo della sua opera facendo riferimento a una categoria narrativo-letteraria?
Sinceramente no. Non penso che questo libro sia canalizzabile in un genere specifico, per il suo essere molto originale, sperimentale a tratti. Ma questo lo considero, dal mio punto di vista, uno dei punti di forza che lo rendono maggiormente interessante, perché, citando De Mello: “I concetti sono sempre congelati, mentre la realtà scorre”. Però non vorrei che pensasse che voglio eludere la domanda. Ecco quindi la mia definizione: “Narrativa esistenziale d’avanguardia con venature umoristiche agrodolci“.

Vi aspetto su http://www.volevouccideregiannimorandi.it
BUONA LETTURA A TUTTI
Fonte:
http://www.recensionilibri.org



Altri articoli...

Pagina 10 di 48

10

Ci piace Samigo!



Brani inediti per Interpreti, richiedi informazioni

Vendita immobile zona LANGHE (Piemonte)

NINNA NONNA, la canzone dei Nonni

Il best seller "Volevo uccidere Gianni Morandi"

Italia vaffanculo



POPE is POP - New SAMIGO Production



Area riservata